Gelato artigianale

Come si fa a riconoscere un buon gelato artigianale?

Il gelato artigianale è un prodotto amatissimo da tutto il mondo e in particolare dagli italiani. I nostri connazionali di ogni età non perdono occasione di assaporarlo non solo nel periodo estivo, ma in ogni stagione come dolce spuntino, fresco dessert di fine pasto e a volte anche come occasionale e veloce sostituto del pasto stesso.

Questa grande passione per il gelato – e il conseguente aumento della sua domanda – ha portato a una importante crescita del settore della gelateria, ma a questa tendenza non sempre è corrisposto un aumento della qualità del prodotto.

Infatti, a fronte di gelaterie che lavorano seriamente, con ingredienti naturali e lavorazioni davvero artigianali, si assiste all’aumento di laboratori improvvisati, che producono gelati esclusivamente con l’ausilio di semilavorati e polverine, pieni di grassi idrogenati, coloranti e conservanti. A questo fenomeno si aggiunge, inoltre, anche la produzione sempre più varia e numerosa di gelati industriali, prodotti all’apparenza piacevoli e golosi ma tutt’altro che sani.

In considerazione di tutto ciò è quindi importante, se si desidera gustare il vero gelato artigianale di qualità, conoscere le caratteristiche che lo contraddistinguono a prima vista e al primo assaggio, così da poter fare una scelta mirata e consapevole.

Ecco allora 4 punti da tenere in considerazione per riconoscere un buon gelato artigianale.

Qual è il colore del gelato artigianale?

Gelato artigianale colore

Semplicemente, il colore del gelato deve rispecchiare in toto quello dell’ingrediente usato per produrlo e non quello che nell’immaginario collettivo – frutto di anni di uso indiscriminato di coloranti – si associa a quel gusto.

In particolare il gelato artigianale, anche quello alla frutta, deve avere colori tenui e delicati, non cromie fluorescenti o che ricordino in modo sospetto la buccia e altri parti caratteristiche dell’ingrediente, parti che vengono usate in quantità minima e che difficilmente possono influire sul colore.

Riguardo all’aspetto, infine, se il gelato sembra troppo lucido può contenere preparati addensanti e amalgamanti, indice di scarsa qualità delle materie prime. Al contrario, un’apparenza eccessivamente opaca e scura può indicare un processo di ossidazione del gelato, segno di poca freschezza o di errata conservazione.

Qual è il sapore del gelato artigianale?

Il sapore di un gelato artigianale di qualità deve evocare subito e in modo gradevole e delicato, l’ingrediente principale che ne costituisce il gusto, senza sapori esasperati o stucchevoli. In quest’ultimo caso, il sospetto che siano stati usati aromi artificiali, sciroppi o troppo zucchero è generalmente fondato.

Ricordiamo che lo zucchero è un ingrediente importante – parliamo pur sempre di una preparazione dolce – ma deve essere sapientemente dosato e risultare in un rapporto equilibrato con gli altri ingredienti: usarne troppo può, ancora una volta, indicare la volontà di mascherare una composizione di scarsa qualità.

Gelato artigianale: altri aspetti a cui bisogna prestare attenzione

Ci sono altri particolari da tenere in considerazione se vogliamo assicurarci di aver scelto un ottimo gelato artigianale. Vediamoli brevemente.

La cremosità è di solito una caratteristica molto gradita nel gelato, ma attenzione che questa morbidezza non sia eccessiva, in quanto potrebbe essere segno di un esagerato uso di grassi. Di contro, anche un gelato troppo acquoso, oltre che poco piacevole da mangiare, indica uno squilibrio nel delicato mix dei diversi ingredienti.

Stessa problematica se il gelato tende a sciogliersi troppo velocemente: qualcosa nella composizione non funziona. Un gelato che invece non si scioglie per niente, ha ben poco di artigianale e naturale, ma quasi sicuramente contiene degli additivi.

Una volta in bocca, il migliore gelato artigianale non deve aderire troppo al palato o essere avvertito come eccessivamente unto ma non deve nemmeno sparire subito o essere percepito come troppo liquido. Non deve inoltre dare la sensazione di essere sgradevolmente freddo. In tutti questi casi, gli ingredienti non hanno le giuste proporzioni.

Se gustando un gelato ci si accorge della presenza di cristalli di ghiaccio al suo interno, questo potrebbe essere indizio di una conservazione non ottimale del prodotto o di una sua rimantecatura, un procedimento abbastanza discutibile che miscela gelato già esposto per la vendita ma non terminato con gelato appena fatto, al fine di rigenerarlo.

Un’ultima indicazione che depone a sfavore della qualità del gelato è avvertire lo stimolo della sete subito dopo averlo terminato, segno che lo stesso potrebbe contenere troppi zuccheri e che, in generale, non ha una buona composizione.

Laboratorio del gelato artigianale

Terminiamo questa panoramica sul perfetto gelato artigianale con una raccomandazione: meglio verificare che la gelateria prescelta ospiti il laboratorio di produzione artigianale all’interno del proprio negozio. Questo infatti aumenta le probabilità che il gelato sia sempre fresco e di buona qualità e, inoltre, che i processi di produzione e distribuzione del prodotto vengano attuati in tutta sicurezza.

Nella nostra gelateria artigianale a Torino La Coppa D’Oro potrai gustare il vero gelato artigianale: un gelato di qualità, prodotto nel nostro moderno laboratorio interno con i migliori ingredienti provenienti direttamente dal luogo di origine; un gelato buono, realizzato seguendo un metodo di produzione che bilancia tradizione artigianale e innovazione in un equilibrio perfetto; un gelato sano e naturale, senza uso di coloranti, additivi, aromi artificiali e grassi idrogenati.

Dal nostro laboratorio artigianale escono ogni giorno, anzi più volte al giorno, circa 30 gusti di gelato, gusti che variano al variare delle stagioni, nel pieno rispetto di quanto la natura mette a nostra disposizione.

Offrire sempre il miglior gelato artigianale è l’obiettivo che ci siamo posti e che portiamo avanti grazie al nostro entusiasmo, al metodo tradizionale – frutto di una nostra esclusiva ricetta – e alla continua innovazione del processo produttivo per renderlo sempre più efficiente: un mix equilibrato di fattori che trasforma il nostro gelato artigianale in una piccola opera d’arte.